Sesso: dove sono i confini di ciò che è permesso?

Qualsiasi combinazione d’amore
sia lo spirito che il contenuto sono dati,
e alla perversione sessuale
Mi riferisco solo all’astinenza.
Igor Guberman

Nella vita di, probabilmente, qualsiasi persona adulta, un giorno arriva un momento in cui le solite forme di intimità iniziano a sembrare qualcosa di quotidiano e di routine, come lavarsi i denti prima di andare a dormire, e pensieri peccaminosi iniziano a svegliarsi su come portare un po ‘di piccante in una relazione d’amore e nella diversità. Tuttavia, tali pensieri erano considerati peccaminosi un quarto di secolo fa, e oggi ci sono molte ragioni ed esempi per loro. Le brillanti eroine di Madonna, Sharon Stone e Kim Bessinger, riconosciute come gli standard della sessualità, dimostrano tali variazioni di intimità dagli schermi, da cui le nostre nonne potrebbero facilmente svenire..

Per uno, per completezza di sensazioni, è necessario ammanettare un partner al letto dell’amore, l’altra stessa preferisce essere legata e, ad esempio, l’eroina del famoso "Storie su" sperimenta le più forti sensazioni erotiche sotto le bacchette. Uno dei film erotici più brillanti – "9 settimane e mezzo" – è semplicemente una guida per realizzare le tue fantasie più sfrenate. La sua eroina o esegue uno spogliarello di fronte al suo amato uomo, poi si trasforma in un vestito da uomo e disegna i baffi, oppure cerca intimità sotto la pioggia in un vicolo buio. (Va notato, tuttavia, che la sua passione sperimentale è stata sufficiente solo per un paio di mesi.)

Per quanto riguarda il sesso orale e anale, queste variazioni sono almeno un suggerimento (la censura non dorme!) Vengono mostrate dallo schermo in quasi tutte le scene erotiche come fenomeni generalmente accettati. E chiunque almeno una volta abbia osservato tutto questo nell’esecuzione di sex symbol di fama mondiale, involontariamente pone la domanda: "Perché non ci provo?"

Ma qui di solito si sveglia un censore interno, che si ritira severamente: "E non osare pensare! Sei una persona perbene, non un pervertito!" E le fantasie insoddisfatte sono vergognosamente nascoste nelle profondità dell’anima. Anche se qui, sembrerebbe, è il momento di rispondere onestamente alla domanda: cosa sono esattamente le perversioni sessuali e dove è il limite "decenza", dietro quale dissolutezza inizia? Ciò che merita condanna e in nessun caso è inaccettabile per una persona che si rispetti, ma cosa puoi ancora permetterti, come molti altri fanno per il loro piacere?

L’esperto riconosciuto su questo tema è lo psichiatra austriaco Richard von Kraft-Ebing, un pioniere nel campo della ricerca sulla perversione. Sadismo, masochismo, feticismo, esibizionismo: tutte queste parole sono state inventate da lui. Sono passati centocinquanta anni. E oggi le opere del celebre professore viennese, contemporaneo di Freud, non si possono leggere senza sorridere. Perché, secondo il fondatore della sessuologia moderna, gran parte di ciò che sta accadendo in quasi tutte le camere da letto oggi dovrebbe essere attribuito alla perversione. Questa era la morale di quel tempo!

C’è un tale concetto nella sessuologia: la gamma di accettabilità. Include tutte quelle carezze, posture e tecniche che i partner trovano accettabili e desiderabili in una relazione sessuale. Quindi, al tempo di Kraft-Ebing, questa gamma somigliava piuttosto a un corridoio stretto: solo questo è possibile e solo così, un passo a sinistra, un passo a destra – dissolutezza! Non c’è da meravigliarsi che all’interno di un quadro così rigido sia maturata una ricca clientela per il dottor Freud. Le persone che volevano la stessa cosa come te e me erano costrette a tormentarsi con acuti sentimenti di colpa e vergogna per loro "vizioso" inclinazioni. Su questa base fiorirono tutti i tipi di nevrosi..

I resti della moralità conservatrice fino ad oggi si fanno sentire in istruzioni interne profondamente apprese: "Una persona perbene non può permettere questo e quello, il quinto e il decimo, perché è cattivo e inammissibile.". Fino ad ora molti, come le loro bisnonne, sono convinti: l’unica cosa a cui una donna può andare (e che, ovviamente, nell’ambito di un matrimonio santificato dalla legge) è annuire affermativamente in risposta al afferma il coniuge e non fa più alcun movimento, aspettando pazientemente, mentre esegue diverse manipolazioni monotone sul suo corpo. Di conseguenza, un uomo dovrebbe scacciare tutti i pensieri che si discostano dallo scenario di routine. Nient’altro è permesso, anche letterale "la mamma non ordina". E chi, infatti, non è autorizzato a farlo? Tranne la mamma, ovviamente, anche se lei stessa non ha inventato tutti questi divieti.

Sigmund Freud, un altro famoso specialista, era convinto che quasi tutte le variazioni nella ricerca del piacere a cui la società si riferisce come deviazioni dalla norma siano inerenti agli esseri umani. In effetti, per un bambino piccolo non ci sono norme: lui, secondo Freud, è un essere multiforme perverso. (Probabilmente, il famoso psichiatra viennese ha esagerato molto e anche solo inventato, ma ha notato qualcosa nella nostra natura in modo abbastanza accurato.)

Genitori ed educatori instillano in una persona il concetto di norma, delineano per lui un cerchio ristretto "consentito". Ma gli impulsi naturali continuano ad esistere in modo latente e di tanto in tanto si fanno sentire. In altre parole, in ognuno di noi ci sono diversi minuscoli pervertiti, che noi stessi (anche se con la voce severa di mamma e papà) guidiamo negli angoli bui della nostra anima e siamo persino imbarazzati ad ammettere la loro esistenza. E per non vergognarsene, notiamo e condanniamo deviazioni dalla norma in coloro che non ne sono molto timidi con particolare pignoleria. In effetti, rispetto al loro background, sembriamo così ben educati e altamente morali! Quindi, secondo Freud, il feroce odio femminile per le modelle e le spogliarelliste nude è causato dal fatto che segretamente mi piacerebbe mettermi in mostra nudo davanti a sguardi maschili avidi, ma non c’è niente di speciale da mostrare, e inoltre vergogna.

Tuttavia, qualsiasi signora, se alla fine è onesta con se stessa, deve ammettere che probabilmente è successo in estate sulla spiaggia per catturare Frank, "spogliarsi" (anche se non c’era quasi nulla da riprendere) aspetto maschile. E allo stesso tempo, una goccia di indignazione rappresentava una buona parte di piacere segreto. Nel linguaggio di Kraft-Ebing, questo piacere è chiamato la terribile parola esibizionismo, cioè indica la perversità della natura..

In generale, un venerabile professore su una spiaggia moderna, probabilmente, avrebbe avuto un duro colpo: ai suoi tempi nuotavano quasi vestiti fino alle dita dei piedi. Per noi un bikini a malapena coprente è un bagno da spiaggia decente. Ma proprio quello da spiaggia! Salire l’argine in questo modo è già una sfida. E ancora qualche passo lungo la strada adiacente all’argine – e c’è il rischio di essere multato per aver insultato la moralità pubblica. Cioè, le persone stesse hanno tracciato limiti di decenza abbastanza visibili e hanno accettato di rispettarli. Allo stesso modo, un uomo che ammira un ballerino di spettacoli di varietà che si spoglia meriterà solo la condanna da parte di sua moglie, e sbirciare un vicino che si spoglia dalla finestra di fronte a lui sarà sicuramente conosciuto come un vile voyeur pervertito..

Sembra che oggi siamo a un tale livello di moralità pubblica quando l’ammissibilità o l’inammissibilità di qualsiasi cosa è determinata dal fatto che lo esponiamo "nulla" a una valutazione generale contraria agli standard accettati, o pratichiamo in privato – dove non può causare la condanna di nessuno. Dopotutto, ci vergogniamo della condanna, cioè della valutazione di qualcun altro. E se sei solo con la persona amata, chi ti valuterà? La domanda può, ovviamente, sorgere: "Lui (lei) mi considererà una natura perversa??" Molto probabilmente, questa domanda può essere facilmente abbandonata. Perché il partner non può aspettare fino a quando finalmente decidi di permettere a lui (lei) ea te stesso cosa "La mamma non l’ha detto".

I sessuologi moderni sono convinti che i partner dovrebbero impostare il loro intervallo di accettabilità per se stessi, come scegliamo una dieta adatta per noi stessi. Dopotutto, nessuna persona è libera di rinunciare del tutto al cibo, ma persone diverse soddisfano la loro fame in modi molto diversi. Uno mangia la carne con piacere, l’altro la considera selvaggia simile a quella di un cadavere e predilige il cibo vegetale, la terza non è contraria alla carne, ma le tradizioni culturali nazionali gli consigliano di evitare il maiale. E qui, forse, ognuno ha ragione a modo suo, e nessuno ha bisogno di plasmare l’etichetta di un pervertito. E se un buongustaio ti invita ad assaggiare uova di formica o filetti di tartaruga, perché non provarli. Se non ti piace, non ci sarà posto per questo piatto nella tua dieta, tutto qui.
Cioè, due persone devono decidere cosa è bene e cosa è male per loro, basandosi non sui giudizi e valutazioni morali di qualcuno, ma solo sui propri sentimenti. Allo stesso tempo, la gamma di accettabilità di una coppia non sarà necessariamente adatta per un’altra: le nostre preferenze individuali si sono formate durante la nostra vita, inconsciamente e implicitamente. Quale dei minuscoli pervertiti interiori darà una voce dipende dalle caratteristiche individuali.

Ma difficilmente puoi concederti l’illusione che nessun bambino così vizioso si sia nascosto negli angoli nascosti della tua anima. È brutto se diventa un grande dittatore che non gli permette di divertirsi in nessun altro modo che in uno sottilmente specifico. Qui, forse, dovremmo parlare di autentica perversione, quando un modo peculiare di soddisfazione oscura tutti gli altri modi per una persona.

Una persona matura e veramente sana può essere considerata una persona che, senza paura e imbarazzo (ovviamente, in un ambiente privato) può permettersi molto e trarne puro piacere. Per determinare il tuo intervallo di accettabilità, devi solo sperimentare e non fidarti delle prime impressioni, ma cercare di trovare fascino ovunque. Ciò che è imbarazzante e imbarazzante per la prima volta, e forse anche doloroso o spiacevole, può essere piacevole dal secondo o terzo tentativo. Dopo tutto, la natura saggia disposta in modo che il primo atto di intimità – il più naturale e "normale" – per ogni donna c’è dolore. Ma poi, entrato nel gusto, è difficile staccarsi da questo piacere (se, ovviamente, impari a riceverlo pienamente).

E non c’è bisogno di pensare affatto – "cosa dirà la gente. " In primo luogo, non sono affari loro, ma solo tuoi. In secondo luogo, semplicemente non diranno nulla se non ostentano le loro caratteristiche e gusti individuali. Hai il diritto, senza danneggiare nessuno, di goderti come piace a te. Continuando l’analogia culinaria, possiamo dire: se ti piacciono le costolette di cane, gustale a tuo piacimento in un ristorante coreano, ma non imporre questo piatto a tutti i tuoi ospiti: i loro gusti sono molto probabilmente completamente diversi. Cioè, dovresti prima di tutto chiederti i limiti di ciò che è permesso..

Articoli simili

  • Sesso di amicizia: pro e contro

    Scopriamo a chi è adatto il modello di relazione degli amici del sesso È così conveniente: c’è comprensione e simpatia amichevole tra voi – e il sesso è possibile anche senza…

  • Sesso veloce o carezze lente?

    Il buon sesso è solitamente associato, nella mente della maggior parte delle donne, a preliminari prolungati. Ma gli uomini sono più spesso inclini a correre…

  • Sesso tantrico per principianti

    State insieme da molto tempo e la vita sessuale inizialmente tempestosa ha iniziato in qualche modo a stabilizzarsi: sono state provate tutte le pose del Kamasutra che sono sicure per la vita,…

Related Posts